[essays]
Un vergognoso popolo di senza Dio! 18/01/2008
[sourcecode][essays][18/01/2008][ITA]



Insomma, una manifestazione di piazza, che come ogni espressione di un moto pubblico non strutturalmente organizzato (non secondo meccaniche di stato) contiene a priori una forma di ‘non valutabilità’ secondo le categorie del dibattito parlamentare, del gabinetto dei governanti, delle piazze televisive.
E forse occorre ricordare che un soggetto collettivo, minoritario oltretutto, spesso e volentieri si vede costretto al massimalismo, al tono duro e in parte grossolano, a mostrare con maggior vigore un’opinione, anche a ‘tirar fuori i muscoli’, proprio perché collettivo, di piazza e più debole. D’altra parte, in una situazione di dialogo assente – perché tale è in Italia il confronto reale tra certe aree d’opinione e i rappresentanti del potere e della cultura ecclesiastica – quale altro strumento impugnare? Gli eccessi vanno senza dubbio condannati, ma non si parla di minacce di morte, non si discute di aggressioni fisiche. Si sta valutando, in modo superficiale e decontestualizzato, uno scontro impari all’interno del quale generalmente il dibattito che tutti ora si affannano a paventare non esiste.

Perché un contropotere in grado di dialogare e ottenere risposte, di confrontarsi apertamente e con pari massa critica mediatica (e non si parla di dover ottenere una parità generale o quotidiana, perché già sento starnazzare alcuni intellettuali che sbandierano il fatto che questo è specchio dello ‘stato delle cose’, dato che si parla di una maggioranza schiacciante, quella cattolica, ed è normale che i numeri rispecchino tale realtà. Si parla di una tribuna in cui autorità di pari grado e con pari potere decisionale possano dibattere realmente – fermo restando che resta opinione di chi scrive che questo è in ultima analisi difficile, dato che da una parte si può sempre ricorrere al possesso di una verità inconfutabile, di un piano non accessibile alla critica. E senza critica non c’è dialogo), non esiste.

[PREV] [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [NEXT]