[poems]
Tossicomania Innocente 30/09/2009
[sourcecode][poems][30/09/2009][ITA]

Tossicomania innocente

L'area è contaminata
Lo spazio delle mie mani
senza boccioli, assalti della veglia.
Fredda come il disprezzo.
La calce scrostata
le statue - immote - mostrano
i loro tendini come lingue
di fuoco.
Freddo, ancora, l'ergersi nella colla,
solventi,
vapori,
nebbia d'aghi.
Svelano
l'acciaio delle mura.
Patteggiare, implorare, strisciare.
D'acciaio, il muro,
non ti ama,
non ti salva
non ti cancella.
Ancora stràziati
mio caro io
misera tempesta senza venti,
senza vittime:
non ti cancella.

(C) 2009, Diego K. Pierini

(

[1]